Per isole remote. Poesie 1953-2000

26,60

Roberta Sapino
Anno 2023
#10 per la critica. La voce e la scrittura
182 pp.
Traduzione Metauro edizione
ISBN 9791280074669

José Ángel Valente è uno dei più importanti poeti spagnoli della seconda metà del XX secolo. Antiretorico e antisentimentale, vicino per vocazione interiore e profonda intimità a San Jaun de la Cruz e alla mistica europea, il suo verbo poetico giunge a rifiutare la nozione di poesia come puro atto comunicativo e si pone come autentica forma d’essere, diventando sempre più essenziale e non rinunciando mai a quella leggerezza che gli permette di muoversi alla frontiera tra il vissuto e l’onirico, il visibile e il metafisico. La presente antologia, che comprende poesie in gran parte inedite in lingua italiana, copre l’intero arco della produzione di Valente, dagli anni Cinquanta di A modo de esperanza alla sua ultima raccolta, Fragmentos de un libro futuro, uscita l’anno della sua morte.

[edgtf_button size="small" type="outline" text="indice" custom_class="" icon_pack="font_awesome" fa_icon="" link="https://www.metauroedizioni.it/wp-content/uploads/2023/01/9788861562059_indice.pdf" target="_blank" color="" hover_color="" background_color="" hover_background_color="" border_color="" hover_border_color="" font_size="" font_weight="" margin=""]

Autore

José Ángel Valente (1929-2000), professore di Lingua e Letteratura spagnola a Oxford, funzionario all’ONU e all’UNESCO, fu un saggista e soprattutto un poeta. La sua opera in versi gli fruttò premi e consenso di pubblico: nel 1984 ricevette il premio della Fondazione Pablo Iglesias e nel 1998 il prestigioso premio Reina Sofía. Tra le numerose opere postume La experiencia abisal (2004) raccoglie la sua «estrema sintesi tra pensiero critico ed espressione poetica».

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Per isole remote. Poesie 1953-2000”