• Nessun prodotto nel carrello.
TOP

Catalogo

Dopo il romanzo storico. La storia nella letteratura italiana del ‘900

18,00 17,10

di Hanna Serkowskaanno 2012445 pp.
Categorie: , Tag: , , , , Acquista versione PDF

Descrizione

Un ricco contributo al campo degli studi sul romanzo del ‘900, non soltanto storico. L’analisi presente in queste pagine ricopre un vasto repertorio di testi “fiction” e “non fiction”, dedicati alla perlustrazione narrativa della storia italiana. Anna Banti e Tabucchi, Flaiano e Brizzi, Sciascia e Morante, Consolo ed Eco vengono setacciati alla luce di precisi nodi tematici prospettati come i momenti più forti e controversi del nostro recente passato storico. Il discorso è appassionatamente animato dall’idea per cui lo spazio letterario si ponga, nel ‘900, come uno dei terreni più fertili per affrontare le pagine oscure o rimosse della storia contemporanea.

Autrice

Hanna Serkowska è nata a Varsavia (1961) dove vive e lavora. Dopo il Ph D alla Rutgers University (relatore Franco Ferrucci, 1991) ha conseguito nel 2003 la libera docenza all’Università di Varsavia dove attualmente insegna e dal 2009 dirige il Dipartimento di Italianistica. La sua ricerca ruota attorno alla letteratura, al cinema, alla storia, alla critica e alla teoria della letteratura. È autrice di tre monografie e curatrice di quattro volumi collettanei (di cui il più recente è Finzione, Cronaca, Realtà. Scambi, intrecci e prospettive nella narrativa italiana contemporanea, 2011).

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Dopo il romanzo storico. La storia nella letteratura italiana del ‘900”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rassegna stampa

Hanna Serkowska, Dopo il romanzo storico, recensione di Marcello Ciocchetti, Nuovi Annali della scuola speciale per archivisti e bibliotecari, anno XXVII, 2013, pp. 233-234.

Hanna Serkowska, Dopo il romanzo storico, Il Segnalibro, 203, febbraio 2014.

Hanna Serkowska, Dopo il romanzo storico, recensione di Simone Rebora, Oblio, III, 11, pp. 305-307.